AUTODROMO DI CELLOLE: OK PER I LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE

Ciò che sembrava impossibile, reso sempre più complicato dalla lenta macchina burocratica, si sta materializzando lentamente.

Infatti, come confermatoci personalmente, sembra finalmente tutto pronto per dare il via ai lavori di riqualificazione dell'autodromo di Cellole, l'impianto motoristico sito lungo il litorale Domitio. 

Gli sportivi e appassionati di automobilismo e motociclismo, dinanzi a questa splendida notizia, possono esultare e a prepararsi alle tante novità che ci saranno nella "nuova vita" dell'impianto casertano.

Gli artefici di quello che sarà "il fiore all'occhiello tra i circuiti d'Europa", i gentlemen Cosimo Turizio e l'avvocato volante Michele Liguori, hanno voluto comunicare a noi della Scuderia Vesuvio che un grande sogno si sta avverando:

"Sarà un impianto su livelli tecnici all'avanguardia - afferma emozionato il patron dell'Autorally di Napoli, il pluricampione Cosimo Turizio - ed il nostro obbiettivo sarà di poter mettere a disposizione dei piloti italiani e napoletani una super palestra che dovrà essere fucina di nuovi campioni".

Prosegue raggiante nel racconto, con tantissima passione, l'avvocato Michele Liguori, pilota di successo nei vari campionati Europei Sport Prototipi storici: "Il progetto ha ottenuto, dopo non poca fatica, tutte le autorizzazioni delle Autorità Amministrative e Sportive. L’ACI/CSAI e la FIA hanno approvato il progetto ed espresso il loro parere favorevole per concedere l’omologazione internazionale di secondo grado. Il rinnovato autodromo potrà così ospitare le gare di tutti i campionati automobilistici internazionali con la sola esclusione di quelle riservate alle vetture di Formula 1. Potranno così gareggiare - prosegue Michele Liguori, accennando un grande sorriso di soddisfazione -  le potentissime vetture della categorie LMP1, LMP2, GP2, GP3, Sport Prototipi, ecc.. Per le moto, invece, potranno gareggiare tutte le cilindrate fino alle potentissime Superbike nazionali”.

I due Drivers in anteprima ci hanno raccontato anche di un'idea in merito all'impianto: "Ci piacerebbe intitolare le curve dei 3,200 km del tracciato alle bellissime località della nostra Regione che faranno conoscere la Campania nel mondo anche agli appassionati di motori”.

Dopo quanto confermato dai protagonisti del "sogno", noi tutti appassionati aspettiamo con trepidazione fine 2017, quando potremo ammirare ed assaggiare lo splendido "Tempio della Velocità".

Comunicato Stampa - Settembre 2016